giovedì, febbraio 10, 2005

Foibe






E' difficile discuterne con obiettività. E' una tragedia dell'umanità e come molte è diventata uno strumento, un'arma da usare o demolire a seconda del partito o dell'ideologia di riferimento.

Non potendo più negare l'eccidio la sinistra ha abbracciato il falso buonismo postmodernista - violenza c'è stata, ma da tutte le parti in causa e quindi se tutti son colpevoli..

Sono cambiati i toni (escludendo i dementi su indymedia o altri animali extraparlamentari, sempre che si usi ancora come definizione) ma non il fine: il male esiste solo al di fuori della nostra ideologia, se abbiamo ammazzato qualcuno se lo meritava.

La stime più conservative parlano di 10000 vittime e 350000 profughi. Si arriva facilmente a 60000 e 650000.

Buona lettura:

http://digilander.libero.it/lefoibe/indexx.htm

http://www.lefoibe.it

martedì, febbraio 08, 2005

Islamofobia...right..

Muslim apostates cast out and at risk from faith and family
By Anthony Browne

While Christians who turn to Islam are feted, the 200,000 Muslims who turn away are faced with abuse, violence and even murder

THE first brick was thrown through the sitting room window at one in the morning, waking Nissar Hussein, his wife and five children with a terrifying start. The second brick went through his car window.
It was a shock, but hardly a surprise. The week before, another brick had been thrown through the window as the family were preparing for bed in their Bradford home. The victim of a three-year campaign of religious hatred, Mr Hussein’s car has also been rammed and torched, and the steps to his home have been strewn with rubbish.

He and his family have been regularly jostled, abused, attacked, shouted at to move out of the area, and given death threats in the street. His wife has been held hostage inside their home for two hours by a mob. His car, walls and windows have been daubed in graffiti: “Christian bastard”.

The problem isn’t so much what Mr Hussein, whose parents came from Pakistan, believes, but what he doesn’t believe. Born into Islam, he converted eight years ago to Christianity, and his wife, also from Pakistan, followed suit.

While those who convert to Islam, such as Cat Stevens, Jemima Khan, and the sons of the Frank Dobson, the former Health Secretary, and Lord Birt, the former BBC Director-General, can publicly celebrate their new religion, those whose faith goes in the other direction face persecution. Mr Hussein, a 39-year-old hospital nurse in Bradford, is one of a growing number of former Muslims in Britain who face not just being shunned by family and community, but attacked, kidnapped, and in some cases killed. There is even a secret underground network to support and protect those who leave Islam. One estimate suggests that as many as 15 per cent of Muslims in Western societies have lost their faith, which would mean that in Britain there are about 200,000 apostates.

For police, religious authorities and politicians, it is an issue so sensitive that they are accused by victims of refusing to respond to appeals for help. It is a problem that, with the crisis of identity in Islam since September 11, seems to be getting worse as Muslims feel more threatened.

Muslims who lose their faith face execution or imprisonment, in line with traditional Muslim teaching, in many Islamic countries, including Saudi Arabia, Pakistan, Egypt and Yemen. In the Netherlands, the former Muslim MP Ayan Hirsi Ali had to go into hiding after renouncing her faith on television.

The Prince of Wales recently held a meeting with religious leaders to consider ways to stop former Muslims being persecuted in other countries, but Britain itself is also affected.

Mr Hussein told The Times: “It’s been absolutely appalling. This is England — where I was born and raised. You would never imagine Christians would suffer in such a way.”

The police have not charged anyone, but told him to leave the area. “We feel completely isolated, utterly helpless. I have been utterly failed by the authorities. If it was white racists attacking an Asian guy, there would be an absolute outcry,” he said. “They are trying to ethnically cleanse me out of my home. I feel I have to make a stand as an Asian Christian.”

Yasmin, who was raised in the North of England, has been forced out of her town once, and is now trying to resist being chased out again. Brought up in a Muslim family, she converted after having a vision of Jesus when she gave birth to her youngest son, and was baptised in her thirties.. “My family completely disowned me. They thought I had committed the biggest sin — I was born a Muslim, and so I must die a Muslim. When my husband found out, he totally disowned my sons. One friend tried to strangle me when I told him I was converting,” she said.

“We had bricks though our windows, I was spat at in the street because they thought I was dishonouring Islam. We had to call the police so many times. I had to go to court to get an injunction against my husband because he was inciting others to attack me.”

She fled to another part of Britain, but the attacks soon started again as locals found out about her. “I wasn’t going to leave again,” she said, adding that it was the double standards of her attackers that made her most angry. “They are such hypocrites — they want us to be tolerant of everything they want, but they are intolerant of everything about us.”

With other converts, Yasmin has helped to set up a series of support groups across England, who have adopted a method of operating normally associated with dissidents in dictatorships, not democracies. They not only have to meet in secret, but cannot advertise their services, and have to vet those that approach them for infiltrators.

“There are so many who convert from Islam to Christianity. We have 70 people on our list who we support, and the list is growing. We don’t want others to suffer like we have,” she said.
Although some are beaten “black and blue” for their faith, others suffer even more. The family of an 18-year-old girl whomYasmin was helping found that she had been hiding a Bible in her room, and visiting church secretly. “I tried to do as much as possible to help her, but they took her to Pakistan ‘on holiday’. Three weeks later, she was drowned — they said that she went out in the middle of the night and slipped in the river, but she just wouldn ’t have done that,” said Yasmin.
Ruth, also of Pakistani origin, found out recently that she had only just escaped being murdered. When she told her family that she had converted, they kept her locked inside the family home all summer.



“They were afraid I would meet some Christians. My brother was aggressive, and even hit me — I later found out he wanted me dead,” she said. A family friend had suggested taking her to Pakistan to kill her, and her brother put the idea to her mother, who ruled against it. “You are very isolated and very alone. But now, my brother is thinking about changing and a cousin has made a commitment to Christianity.”

Noor, from the Midlands, was brought up a Muslim but converted to Christianity at 21. “Telling my father was the most difficult thing I have ever done. I thought he would kill me on the spot, but he just went into a state of shock,” she said. He ended up almost kidnapping her.

“He took drastic actions — he took the family to Pakistan, to a secluded village with no roads to it. He kept us there for many years, putting pressure on me to leave my Christian faith. I endured mental and emotional suffering that most humans never reach,” she said. Eventually, her father realised that he could not shake her faith, and released her with strict conditions. “In desperation, my father threatened to take my life. If someone converts, it is a must for family honour to bring them back to Islam, if not, to kill them.”

Imams in Britain sometimes call on the apostates to be killed if they criticise their former religion. Anwar Sheikh, a former mosque teacher from Pakistan, became an atheist after coming to Britain, and now lives with a special alarm in his house in Cardiff after criticising Islam in a series of hardline books.

“I’ve had 18 fatwas against me. They telephone me — they aren’t foolhardy enough to put it in writing. I had a call a couple of weeks ago. They mean repent or be hanged,” he said. “What I have written, I believe and I will not take it back. I will suffer the consequences. If that is the price, I will pay it.”

The most high-profile British apostate is Ibn Warraq, a Pakistani-born intellectual and former teacher from London, who lost his faith after the Salman Rushdie affair and set out his reasons in the book Why I am not a Muslim.

He recently edited the book Leaving Islam, but finds it hard to explain the hostility. “It’s very strange. Even the most liberal Muslim can become incredibly fierce if you criticise Islam, or, horror of horrors, leave it.”

He himself has taken the precaution of using only a pseudonym, and lives incognito in mainland Europe. He thinks that Islamic apostasy is common. “In Western societies, it is probably 10-15 per cent. It’s very difficult to tell, because people don’t admit it.”

Patrick Sookhdeo, director of the Barnabas Trust, which helps persecuted Christians around the world, said that it was finding increasing work in Britain: “It’s a growing problem. Today, conversion is seen as linked to Bush trying to convert the world — democratisation is confused with evangelism.

“The difficulty in Britain is the growing alienation between the minority Muslim communities and the mainstream Christian one. Christian mission work in inner cities is seen as an assault,” Dr Sookhdeo said. “We are only asking that freedom of religion should be applicable to everyone of every faith.”


sabato, febbraio 05, 2005

tema: come finanziare i terroristi coi soldi dello stato italiano...

Oggi torno a casa, notizia sparata subito da Sky Tg24 (peggior servizio all-news che io abbia mai visto in una lingua che capisco: per Al-Jazeera non vi saprei dire...), giornalista rapita in Iraq.

Giornalista del Manifesto.

Dagli stessi filantropi del rapimento delle due tipe, avete capito chi, le due "cooperanti", l'esperta di aerei militari (!!!) e la collaboratrice di Rifondazione.

No, cioe', ma e' uno scherzo, vero?

Qualcuno mi dica che e' uno scherzo, per favore...

Vedete, io di natura non credo alle cospirazioni, i servizi deviati, i grandi fratelli (quelli pre-aran endemol, dico), gli uomini in nero e altre belinate. Ma qui ragazzi o il pessimo senso dell'umorismo ce l'ha il grande capo nei cieli, oppure ci stanno a pigliare per il culo, excuse my french...

Perche' sapete com'e', ho il vago, vaghissimo sospetto che qualcuno in Italia abbia trovato un bel modo per finanziare la guerriglia irachena coi soldi dello stato...

Che poi per le interessate ne ottengano gloria e ricompense politiche mi sembra un contorno bello gustoso(anche qui ci sarebbe da fare un esame di coscienza: quale nazione ritiene degli ostaggi, ipso facto, degli eroi?).

Non so, smentitemi pure, ma a me sti terroristi-pardon guerriglieri/teologi/bravi-samaritani che si avventano contro ogni femmina italiana comunista che si aggiri per l'Iraq, per poi liberarla con doni e parole dolci, un pochino pochino mi incuriosiscono.
A voi no?


giovedì, febbraio 03, 2005

Parla il kamikaze: dovevo uccidere 25 persone

La confessione negli atti dell'inchiesta «ignorati» da gip Forleo

«Ci insegnano a farne fuori il più possibile. Io avevo 5 chili di esplosivo. Militari o civili è lo stesso. L’ordine è colpire la folla»
Il terrorismo iracheno raccontato dai kamikaze mancati. Sono gli interrogatori dei giovani curdi, fermati un attimo prima di farsi esplodere. Testimonianze agli atti dell’inchiesta italiana sulla rete di reclutamento, raccolte dalla polizia norvegese e trasmesse alla Procura di Milano. Ma per il giudice Clementina Forleo i verbali degli aspiranti martiri di Al Ansar «non sono utilizzabili», perché equiparati a fonti anonime dei servizi di intelligence. Per i pm milanesi, invece, le confessioni provano come i militanti fossero veri terroristi e non solo guerriglieri. Ecco l’interrogatorio del primo kamikaze pentito di Al Ansar: Dedar Khalid Khader, 21 anni, curdo iracheno di Arbil, bloccato nel giugno 2002 in Kurdistan.

Sei o sei stato membro di Ansar al Islam?
«Sì, ero soldato semplice».
Chi era a capo di Ansar al Islam?
«Era il Mullah Krekar».
Lo hai mai incontrato?
«Sì, più volte».
Quando sei stato arrestato?
«Era il 17 giugno 2002».
Hai avuto dei colloqui con Mullah Krekar?
«Non sono mai stato solo con il Mullah, ma eravamo in diversi quando si discuteva degli attentati suicidi. Loro dicevano che erano cosa buona e che era bello essere musulmani e uccidere dei non musulmani. Si doveva andare fieri di essere un attentatore suicida. Fu Abu Abdullah Safihi (in contatto con la rete italiana, ndr ) a chiedere se volevamo diventare attentatori suicidi mentre il Mullah Krekar parlava con noi e ci convinceva a diventarlo».
Quanto tempo passò tra il momento in cui indossasti la bomba e quello in cui arrivasti sul posto dell'attentato?
«Solo 5 minuti. Indossai il panciotto in una casa giusto accanto al posto dove avrei dovuto compiere l'attentato suicida. Lasciai la casa insieme con Umed Abdullah. Salimmo direttamente su un autobus, ci vollero meno di 2 minuti. In autobus ebbi un ripensamento e non volevo più fare l'attentato, ma non dissi nulla. Scesi dall'autobus e lì fui circondato da quelli che mi presero».
Dove avevi la bomba quando fosti arrestato?
«L'avevo addosso. Era una specie di panciotto... Gli esplosivi si trovavano in una tasca sia davanti che dietro. Avevo anche una cintura con dell'esplosivo. All'interno dei pantaloni c'era il filo di collegamento con il detonatore che avevo in tasca...Sul lato destro avevo anche un altro detonatore. Era una riserva per il caso che il primo non funzionasse».
Sai quanto esplosivo ti era stato messo addosso?
«Avevo 5 chili di esplosivo».
Quali erano gli ordini?
«Abu Abdullah Safihi e Abu Baker Tohid mi spiegarono dove avrei dovuto fare esplodere la bomba. Mi raccontarono che avrei dovuto introdurmi in una folla di persone e poi "depositare" la bomba. Era la città di Saisadiq, dove c'era il comando del Puk (importante partito curdo iracheno, ndr)».
Quante persone c'erano sul posto quando scendesti dall'autobus per depositare la bomba?
«All'incirca 25 persone».
Perché, secondo il Mullah, era bello fare un attentato suicida?
«Ci raccontò che era cosa buona uccidere dei non musulmani mediante gli attentati suicidi e che quando uno muore e porta con sé nella morte dei non musulmani Dio gli perdonerà».
Chi avresti dovuto uccidere?
«Dei soldati del Puk (curdi, ndr)».
E se perdevano la vita dei civili, aveva importanza se uccidevi anche quelli?
«No, non aveva importanza che venissero uccisi anche dei civili».
Hai sentito dire che nei campi di Ansar al Islam ci fosse qualcuno di Al Qaida?
«Abu Abdul Ramman El Hami, che fu ucciso nel 2001 e che occupava una posizione importante ad Al Qaida, vi era stato. Abu Zuber, Abu Anar, Abdul Malik erano membri di Al Qaida ed erano al campo quando fui arrestato. Abu Yasser, che era arabo, era anche lui stato al campo, ma fu ucciso insieme a Abu Abdul Ramman».
Quindi in conclusione tu eri disposto a farti saltare in aria uccidendo molte persone dopo essere passato per un corso di addestramento ed essere stato convinto dal gruppo Ansar al Islam di cui Mullah Krekar è il capo. Era anche presente agli addestramenti di quelli che avrebbero dovuto compiere gli attentati suicidi?
«Sì, ne facevo parte. Sentii una preghiera di Mullah Krekar alla moschea di Khana Kin a Byara, in cui ci raccontava che per i fratelli che sono disposti a compiere un'azione suicida, essi devono essere pazienti e se sono disposti a farsi saltare in aria e trovano soltanto 10 persone sul posto, devono aspettare per farlo, devono farsi saltare quando ce ne sono di più, sulle 20, 30 o 60, in modo da ucciderne il più possibile».
Ti hanno somministrato alcolici o droghe il giorno che avresti dovuto farti saltare in aria?
«Penso che quel giorno ci fosse qualcosa nel cibo, perché mi sentivo spossato e volevo dormire. Anche 2-3 giorni dopo l'arresto mi sentivo stanco e spossato».
Sai se una di quelle persone che avevano fatto il «corso» ha effettuato un'azione suicida?
«Mentre ero in prigione ho sentito parlare di un'azione suicida e lui era del 1985, però non c'era al corso che ho frequentato. Il suo nome era Abdul Gani. Lui era membro di Ansar al Islam. Si fece saltare in aria a un posto di blocco. Questo avvenne nel 2003, prima dell'invasione».
Sai di altri attentatori suicidi che facessero capo ad Ansar al Islam?
«Non ricordo chi fu a farlo, ma avvenne a un punto di controllo... Rimasero uccisi due giornalisti. Sono sicuro che dietro c'era Ansar al Islam».

Paolo Biondani e Guido Olimpio
03 febbraio 2005

mercoledì, gennaio 26, 2005

la giudice impegnata e l'ideologia non-morta

per curiosita' mi sono messo a cercare alcune cose sul giudice Forleo, quella della sentenza contro i terroristi, pardon prodi guerriglieri, islamici.
Mi sono imbattuto in alcune citazioni interessanti: ecco un estratto dall'inchiesta sulla strage di Piazza Fontana da

http://www.informagiovani.it/Terrorismo/piazzafontana/comm4.htm

"L' ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip Clementina Forleo e composta da circa 250 pagine sostiene che la strage alla Banca dell'Agricoltura fu "una strage di stato contro lo stato" voluta ed appoggiata dai servizi segreti di allora, dal Sid e dall' Ufficio Affari riservati del Viminale per favorire in Italia il cosiddetto 'Golpe Borghese': un progetto di colpo di stato che doveva verificarsi alla fine del 1969 ma che poi fu 'rinviato' di un anno. Ma il Gip calca la mano sul "disegno degli apparati istituzionali dell' epoca" per compiere atti terroristici, depistaggi di indagini", in particolare verso l' estrema sinistra. Il giudice, infatti, cita l' episodio dei timer uguali a quelli utilizzati negli attentati di On nel 1969. Dovevano essere nascosti in una villa dell'editore Giangiacomo Feltrinelli per sviare le indagini su Piazza Fontana indirizzandole verso ambienti della sinistra. Un intero capitolo dell'ordinanza, infine, e' dedicato ai rapporti tra il gruppo responsabile della strage e gli apparati di sicurezza italiani e stranieri, in particolare quelli dei Paesi dell' Alleanza atlantica."

Inoltre, a completare il quadro, la Nostra ha anche firmato autorizzazioni a procedere contro Dell'Utri e Berlusconi...
Do you get the picture now?


Confrontate le cose qui riportate con le motivazioni della sentenza sugli islamici (vedi il post di Pelayo) e ditemi se non ho ragione a ritenere che 16 anni dopo la fine del comunismo globale, i suoi frutti marci e l'odio ideologico dei suoi praticanti continuano a inquinare il mondo e a propagare violenza antioccidentale, con l'aggravante che la "causa" ormai e' morta e sepolta.
Rimane solo lo spirito anti-occidentale, condito ormai con una sorte di cinica rassegnazione.
Che importa che ci siano anche i nostri soldati in Iraq? Che gli attacchi dei "guerriglieri" siano di gran lunga la maggiore causa di morte in Iraq in questi mesi.
Cio' che rimane e' solo la volonta' di danneggiare l'America, responsabile della distruzione dei propri sogni (immagino, ma ci scommetterei) di giovane rivoluzionaria di qualche centro sociale, tra uno spinello e una lettura del libretto di Mao e magari un 18 politico o due.
Recuperare una giovinezza perduta dietro falsi e sanguinosi miti, arrivando all'apologia dei peggiori assassini dell'eta' moderna.
Messa a questo modo, la giudice mi fa pure pena...
Ma la pensa svanisce quando penso agli innocenti che potrebbero morire per le azioni di quelli che lei tanto cinicamente vorrebbe in liberta' per non "prendere posizione a favore di una delle parti in lotta"!
Che schifo.
Che schifo.
Che schifo.

ormai la strada e' chiara: W il libero soviet del palazzo di giustizia di milano!! allah akhbar!!

"grazie" al giudice di Milano, che mi ha mostrato la via per portare avanti la nostra azione.
Da domani, forte del fatto che reclutare, addestrare e finanziare terroristi non e' reato, basta che non sia l'esclusiva attivita' del gruppo organizzatore, comincero' a raccogliere fondi per due obbiettivi:
1) un asilo nido per le mamme single
2) una cellula terr... pardon, guerrigliera che compia atti di, ehm, guerriglia, nei paesi islamici. (Ovviamente, se alcuni di questi acti di bellum iustum causera' vittime civili o se magari uno dei miei kam... ehm, guerriglieri si fara' esplodere in mezzo alla folla, diro' che e' stato un incidente e invochero' a mio favore la giurisprudenza milanese)
Meraviglioso.

(nota per la DIGOS e altri inquirenti: non dico sul serio. Giuro.)

Per non dimenticare

In giorni in cui ci rivolgiamo costantemente all'importanza della memoria, riserviamone un pò a persone a noi vicine:

Clementina Forleo, Ernesto Aghina, Paolo Arbasino, Maria Giuliana Civinini, Giuseppe Fici, Luigi Marini, Francesco Menditto, Giuseppe Salmè, Giovanni Salvi...

e Susanna Ripamonti certo..

e a tutti quanti, così pieni di se e di odio politico, capaci di perpetrare o giustificare azioni crudeli e indegne di un essere senziente.

lunedì, gennaio 24, 2005

57 milioni di generali?

Dopo la nazione dei 57 milioni di commissari tecnici, eccoci alla riedizione militare di un antico classico italiano.
Mi riferisco ovviamente alla polemica sui Mangusta che non sarebbero in dotazione alle nostre truppe in Iraq e il cui mancato utilizzo avrebbe "causato" la morte del maresciallo.
Ora, non che io mi reputi piu' di un tecnico militare da poltrona, ci mancherebbe, ma nondimeno la polemica e' ridicola e, naturalmente visto che siamo in Italia, politica.
Innanzitutto rilevo la costante imitazione del "modello americano" anche da parte di chi si professa ferocemente antiamericano (o antibush, nell'eufemismo piu' di moda ultimamente). Qui c'e' un chiaro tentativo meta-mediatico di ricollegarsi alla polemica dei soldati della Guardia Nazionale americana che protestavano per la dotazione di mezzi obsoleta, e quindi rafforzare l'impatto negativo della notizia sullo spettatore medio di TG.
A parte che di ben altra cosa si tratta, in quanto le proteste dei guardsmen americani erano proteste di gente che rischia la pelle e sa di cosa parla. Qui da noi c'e' la protesta del parlamentare ignorante e al sicuro che infanga la professionalita' e il senso del dovere altrui per convenienza politica.
Passiamo infatti al punto: che senso ha, militarmente, la sostituzione pura e semplice di un elicottero "generalista", da trasporto, come quello colpito con una gunship qual'e' il Mangusta?
Sarebbe come dire che ogni soldato in zona di guerra deve girare con un carro armato.
Si, certo...
La verita' e' che gli stessi reggimenti di cavalleria americana con i loro battaglioni di cavalleria aerea, che sono probabilmente le grandi unita' militari meglio equipaggiate del pianeta (e a cui non mancano certo gli Ah-64 in dotazione) usano normalmente i Blackhawk in operazioni come quella in cui e' stato colpito il nostro soldato, dove il nemico era composto da un gruppo di guerriglieri con ak47 e non certo i carri T-80 che il Mangusta e' nato per combattere.
Certo, comunque ben venga che il nostro contingente riceva anche i gunship, anche se gli stessi che ora ne invocano l'uso probabilmente prima di oggi avrebbero protestato perche' non sarebbero "consoni" al carattere pacifico della missione.
Quello che rimane e' lo schifo per un paese in cui nemmeno di fronte alla morte di un soldato in battaglia si fermano i giochini politici di piccolo, piccolissimo cabotaggio...

domenica, gennaio 23, 2005

chiuso per ferie?

Chiedo scusa a tutti i lettori per la scarsita' o anzi la nullita' di interventi nelle ultime settimane.
Il fatto e' che la prematura scomparsa del mio computer principale e la generale mancanza di tempo dovuta al lavoro mi hanno impedito di fare il mio dovere di blogger.
Conto di riprendere a postare in maniera piu' regolare appena mi insediero' nel mio nuovo ufficio con il mio nuovo e meraviglioso (spero!) computer.
Nel frattempo saluti a tutti.